La categoria, soprattutto dopo i nuovi oneri e responsabilità previsti dalla L. 107/2015, necessita di essere affiancata, sostenuta e, soprattutto, tutelata. La stessa risulta oggettivamente ancora non considerata e tutt’altro che promossa neanche da chi, pur essendo tenuto a farlo, invece di valorizzarne il ruolo apicale, l’ha confinata in quel tutt’altro che aureo limbo ove è ridotta ad  ibrido (mix di docente/dirigente….in effetti né l’uno né l’altro) obbligata, però, a un ruolo su cui gravano crescenti responsabilità e nuovi adempimenti.

 
Alla stregua di meri vigilanti, i dirigenti scolastici non possono che permanere negli spazi ristretti della sede istituzionale oltre i tempi consentiti da un protocollo igienico-sanitario. Viene così sottratta loro buona parte della dimensione temporale umana e personale necessaria al recupero delle energie impiegate nello svolgimento del loro lavoro.  Nella molteplicità e complessità dei problemi, rientrano nell’ordine della quotidianità incidenti, studi di caso, questioni legali e amministrativo contabili, l’attivazione di una relationship vieppiù variegata, emergenze….e quindi l’esercizio di una competenza proteiforme e finora inedita. Con tutti i rischi che ognuna di queste azioni comporta.

Nell’ordine della ratio sopra accennata, DIRIGENTISCUOLA ha organizzato i seminari/assemblee riportati nelle sottostanti tabelle, con la seguente metodologia:

A)- Il consiglio Nazionale ha individuato tema, contenuti e relatori esperti dei vari contenuti:

TEMA

Le sfide culturali e politico-sindacali della dirigenza scolastica nel cambiamento in atto

CONTENUTI

  • PTOF e PDM -Valutazione premiale del personale docente. Criteri bonus.
  • Anno di formazione .
  • Utilizzo dei docenti dell’ organico potenziato per il corrente anno scolastico .
  • Le relazioni sindacali d’istituto dopo la legge 107.
  • Il sistema delle sanzioni disciplinari dopo il Decreto Madia .
  • Struttura della retribuzione dei dirigenti scolastici e FUN
  • Gli Accordi di rete di cui al comma 70 della Legge 107/2015.
  • L’alternanza scuola/lavoro tra la laboratorialità del primo ciclo e lo spirito di imprenditorialità del secondo .

RELATORI

  1. Antonio Caligiuri
  2. Maria Pia D’andrea
  3. Pasquale Annese
  4. Francesco G. Nuzzaci
  5. Alessandro Calabrese
  6. Maria Lupia
  7. Attilio Fratta

 

B)- I Segretari Regionali hanno scelto i contenuti individuando sedi e date, passibili di aggiornamenti e/o integrazioni:

REGIONE

DATA

SEDE

PUGLIA /BASILICATA

29 GEN.

09.30 – 17.30

Palazzo DISCANNO

C.so v. Emanuele II n. 188 TRANI

PUGLIA/BASILICATA

05 FEB.

09.30 – 17.30

ITAS DELEDDA –

P.zza PALIO n. 1 – LECCE

CAMPANIA

06 FEB.

09.30 – 17.30

S.M.S. MORELLI

Via Cavallerizzi  – TORRE DEL GRECO

UMBRIA

09 FEB.

09.30 – 13.00

 I.C. Perugia 3-   Sala S. Anna

viale  Roma n. 15 – PERUGIA

TOSCANA

10 FEB.

09.30 – 16.30

I.C.  G. MICALI

Via degli Archi n. 66 – LIVORNO

EMILIA R.

11 FEB.

09.30 – 18.00

I.C. N. 18

Via Galliera n. 74 – BOLOGNA

CALABRIA

13 FEB.

09.30 – 18.00

I.C. SANT’EUFEMIA

Via delle Nazioni – LAMEZIA TERME

VENETO

17 FEB.

09.30 – 17.30

I.I.S. FERRARIS sede E. FERMI

Via Guardini n. 2 – VERONA

ABRUZZO/MOLISE

18 FEB.

10.00-18.00

Istituto Tecnico Tito Acerbo 

Via Pizzoferrato 1  – PESCARA

PUGLIA /BASILICATA

19 FEB.

09.30 – 17.30

I.C. ALFIERI-GARIBALDI

VIA GALLIANI – FOGGIA

LAZIO 

23 FEB.

09.30 – 18.00

Liceo Classico  “Socrate”-  Via Padre Reginaldo Giuliani, 15 – ROMA

SARDEGNA 

24 FEB.

09.00 – 14,00

Scuola Media U. Foscolo

Viale Marconi Guglielmo 82  – CAGLIARI

SARDEGNA 

25 FEB.

09.00 – 14.00

Istituto Tecnico “Vico  Mossa”

Via Carboni, 10 – ORISTANO

SICILIA

25 FEB.

09.30 – 17.30

I.C.S. “M.Rapisardi-G.Garibaldi” – Scuola Media “G.Garibaldi” Villa Gallidoro, Via Delle Croci, 5 – Palermo

SICILIA

26 FEB.

09.30 – 17.30

IIS “CARLO GEMMELLARO” Corso Indipendenza, 229 – CATANIA

 

In allegato in agiornamento le locandine dei seminari.

  L’occasione sarà propizia per individuare strategie e proposte per uscire dal guado recuperando dignità, considerazione sociale e adeguata retribuzione. Bisogna costruire insieme una piattaforma contrattuale da sostenere e difendere con l’appoggio di tutta la categoria nelle sedi opportune.

      II DIRIGENTI SCOLASTICI SONO INVITATI A PARTECIPARE E DARE IL LORO CONTRIBUTO: E’ IL MOMENTO DI COSTRUIRE. LAMENTARSI DOPO NON SERVE.