In data odierna, sebbene giornata festiva, l’Ufficio di Gabinetto del Ministero dell’Istruzione ha trasmesso la nota n. 10005.07-03-2021 recante chiarimenti in riferimento al DPCM 2 marzo 2021 e susseguente nota prot. n. 343 del 4 marzo 2021. Nel documento si precisa quanto segue:

  1. Nelle zone rosse è prevista la possibilità di sospensione delle attività e dei servizi educativi dell’infanzia, mentre per le scuole di ogni ordine e grado le attività si svolgono esclusivamente con modalità a distanza, fatta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.
  2. Nelle altre zone sono definiti margini di ulteriori misure restrittive da parte delle Autorità locali, sulla base delle specifiche situazioni epidemiologiche.
  3. Per le zone gialle è, infine, precisato che, nel secondo ciclo, si debbano adottare forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, tali da garantire la didattica in presenza ad almeno il 50% (e fino ad un massimo del 75%) della popolazione studentesca e che, nondimeno, si fatta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

 

In allegato il documento.