In data 3/01/2021 DIRIGENTISCUOLA sollecitava per l’ennesima volta l’Amministrazione alla soluzione del problema inerente la mancata erogazione, ai dirigenti scolastici, della retribuzione di posizione parte variabile e di risultato, chiedendo contestualmente un incontro urgente per acquisire informazioni circa eventuali azioni messe in atto.

Ad oggi non  risulta pervenuta alcuna risposta: si rende necessario, pertanto, intervenire nelle sedi opportune. Si imporrebbe, in questo caso, l’avvio di una serie di ricorsi al giudice del lavoro, organo giurisdizionale con competenza funzionale in materia. I tempi della giustizia, però, rischierebbero di veder cessare la materia del contendere per sopravvenuto mutamento della situazione dedotta in giudizio, visto che, prima o poi…il datore di lavoro dovrà pur liquidare le somme contrattualmente previste!

Ritenendo ingiusto, però, che i dirigenti debbano attendere ulteriormente per la soddisfazione di quello che è un loro diritto di credito, DIRIGENTISCUOLA avvierà una serie di procedimenti di ingiunzione che, caratterizzati da una procedura decisamente più snella, potrebbero far ottenere agli aventi diritto, con maggior rapidità, un decreto  con il quale l’amministrazione sarebbe costretta ad adempiere in tempi brevi.

L’iniziativa sarà patrocinata gratuitamente con dei procedimenti campione. Questo perché, trattandosi di un modus procedendi inusuale nel caso in specie, riteniamo corretto verificarne preliminarmente l’effettiva possibilità di riscontro positivo in sede giudiziaria.

Mettiamo, pertanto, in guardia la categoria da promesse di facili e sicuri successi attraverso il ricorso a tali procedure: non vorremmo che, conclusasi la vicenda relativa al tentato annullamento del concorso, i soliti gestori di ricorsifici fossero alla ricerca di nuovi pozzi dai quali attingere…