Si è tenuta oggi la prima seduta del Tavolo nazionale sugli esami di Stato. In apertura, la dr.ssa Boda ha precisato l’urgenza di addivenire in tempi rapidi a soluzioni condivise, perché è opportuno elaborare quanto prima una nota da far pervenire alle scuole, anche in riferimento ai fondi da distribuire in vista degli esami di Stato.

Nel corso del suo intervento, Dirigentiscuola ha messo in evidenza la necessità di chiarire, nella nota che sarà emanata dal Ministero, le modalità per affrontare le situazioni in cui si riscontrasse l’assenza delle condizioni di sicurezza previste nel documento elaborato dal CTS. Nello specifico, occorre segnalare l’organo al quale rivolgersi, che abbia, tra l’altro, i necessari poteri decisori in merito.

E’ stato altresì segnalata la questione delle diffide che, in alcune zone, le sigle di comparto cominciano a far prevenire ai dirigenti scolastici in merito alle misure di sicurezza da predisporre in vista degli esami in presenza. Dirigentiscuola ha ricordato che, in occasione della riunione per la firma del Protocollo d’intesa, tutti i presenti si erano impegnati a far sì che la gestione di questa delicata fase avvenisse sulla base di un sereno spirito di collaborazione. Si auspica, quindi, che l’impegno preso con l’amministrazione centrale venga mantenuto anche dai rispettivi terminali a livello locale. Pacta servanda sunt…