Esiti dell’incontro del 15 giugno 2021

 

Alla presenza del dott. Trifiletti si è svolto il previsto incontro inerente la mobilità 2021/2022 dei dirigenti scolastici.

In premessa la delegazione di DIRIGENTISCUOLA, rappresentata dal Presidente regionale Francesco G.Nuzzaci e dal Vicepresidente regionale Pasquale Annese, ha evidenziato la deleteria abitudine di fornire documentazione dell’informativa poco prima… dell’incontro, impedendo di fatto un’analisi dettagliata della Circolare fornita in bozza e, conseguentemente, di eventuali osservazioni. Se nelle alte sfere nazionali risulta ‘faticoso’ andare a leggersi il contratto, constatiamo che questo sta avvenendo anche a livello regionale, dimenticando che l’informativa deve essere data con congruo anticipo ed allegando i relativi documenti, così come previsto dall’art 4 del CCNL 2016/2018 AREA ISTRUZIONE E RICERCA, cui può seguire richiesta di confronto.

In merito alle procedure da seguire viene specificato che l’accesso al sito avverrà tramite un codice personale di cui i dirigenti scolastici sono già in possesso, il medesimo utilizzato per gli incarichi specifici. Il sistema restituirà una PEC di conferma dell’avvenuta trasmissione. Una volta completata la procedura non sarà più possibile ripeterla, salvo specifica autorizzazione dell’USR.

Nel merito i punti affrontati.

CONFERMA DELL’INCARICO

E’ necessaria apposita motivazione da addurre nella domanda di ‘CONFERMA’ da presentare comunque all’USR.

DIRIGENTI SCOLASTICI IN SCADENZA DEL 4° MANDATO

La nota dell’USR PUGLIA prevede ancora questo vincolo del quarto mandato. Non può essere sottaciuto che la Puglia, ad oggi, è ancora l’unica regione ad adottare tale restrizione. Il dott. Trifiletti conferma che questo è l’orientamento della Corte regionale dei Conti a cui l’amministrazione deve gioco forza adeguarsi, onde evitare la mancata registrazione degli incarichi stessi. Nonostante ciò, su pressante richiesta di DIRIGENTISCUOLA, e contro l’ostracismo di quasi tutte le altre OO.SS. DI COMPARTO, è stata prevista une deroga afferente gravi motivi personali e/o famigliari, debitamente documentati, fatti salvi, comunque, gli esiti del controllo di legittimità. E in ogni caso fatta eccezione per i casi in cui è prevista la risoluzione del rapporto di lavoro per raggiunto limite massimo d’età o per limite ordinamentale (secondo le vigenti disposizioni in materia) entro il 1°settembre 2023.

SEDI NOMINALI

Il Presidente regionale ha posto poi la questione delle sedi nominali chiedendo espressamente se ce ne fossero, e se venissero messe a disposizione per la mobilità, come previsto dalle vigenti norme pattizie, e come a più riprese richiesto da DIRIGENTISCUOLA anche a livello nazionale. Il dott. Trifiletti ha confermato la presenza di 8 sedi nominali, di cui 2 non disponibili per la mobilità.

MOBILITA’ INTEREGIONALE

Confermato il placet dell’USR uscente, non di quello entrante. Il contingente sarà del 30%, il massimo possibile, quantificabile in 11/12 sedi disponibili per la mobilità interregionale, con priorità per i beneficiari della legge 104 personale o di assistenza a parenti e/o affini.

SCUOLE SOTTODIMENSIONATE

Le sedi sottodimensionate ai sensi dei commi 978 e 979, articolo 1 della legge 178/2020 di bilancio per il 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023, pari a 37 istituzioni scolastiche di cui 24 disponibili, ad oggi per il solo anno scolastico 2021-2022, ricadenti nei parametri da 600 a 500 alunni, ovvero da 400 a 300 nelle zone in deroga (piccole isole, comuni montani, aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche), benché inopinatamente sottratte alle immissioni in ruolo, saranno invece disponibili per la sola mobilità regionale, e non  per quella interregionale.