Si è appena concluso l’incontro che ha segnato l’avvio del Tavolo tecnico relativo a Formazione iniziale, Reclutamento e Formazione permanente del personale, uno dei Tavoli previsti dal Patto per la scuola siglato il 20 maggio u.s.

L’incontro, presieduto dal Capo di Gabinetto Luigi Fiorentino, ha visto la partecipazione delle Confederazioni e delle OO.SS. rappresentative del comparto e dell’area Istruzione e Ricerca.

Nella maggior parte degli interventi si è assistito a forti contestazioni relative ai contenuti del DL n. 73/2021, cosiddetto Sostegni bis, emanato il 25 maggio u.s. ed in fase di conversione in legge. Quest’impostazione ha snaturato l’oggetto della riunione che, come da convocazione, avrebbe dovuto essere circoscritto al reclutamento ed alla formazione.

Il Presidente Fratta, come si evince dal suo intervento, non ha mancato di mettere in evidenza questa ed altre discrasie, che non stanno facendo altro che determinare forti ritardi nell’attività dell’Amministrazione.

Comprensibile, e condivisibile, è dunque l’animosità emersa nell’incontro odierno da parte delle OO.SS.: da troppo tempo, ormai, si sta assistendo a manifestazioni d’intenti che paiono foriere di grandi cambiamenti, ma a cui non fanno seguito azioni concrete.

DIRIGENTISCUOLA, quale organizzazione rappresentativa dell’area Istruzione e Ricerca, in tema di reclutamento ha messo in evidenza la necessità, da un lato, di affrontare con urgenza la questione del DM 57, di fatto abrogativo di una norma emanata dal Parlamento; dall’altro, una volta esaurita la graduatoria del concorso per DS, di cominciare a mettere mano alle future modalità di reclutamento, che necessitano assolutamente di revisione.

Questo dovrebbe essere il corretto modus operandi dei Tavoli tecnici, la cui natura operativa dovrebbe essere in re ipsa. Ciò permetterebbe l’elaborazione di proposte concrete, che l’Amministrazione dovrebbe poi portare all’attenzione del legislatore. Sembra, invece, che si adotti sistematicamente il procedimento inverso, vanificando di fatto il coinvolgimento delle parti sociali, in totale disprezzo dei canoni richiesti da una sana cultura della programmazione e dell’organizzazione.

Subito dopo è intervenuta la Segretaria della Codirp, Tiziana Cignarelli, che, ribadendo quanto affermato dal Presidente Fratta, ha insistito sulla necessità di approcci più operativi nella prosecuzione dei tavoli in linea con quanto stabilito nel patto per la scuola siglato a livello confederale.

Il Capo di Gabinetto Fiorentino, nella replica, dopo aver ringraziato la Dr.ssa Cignarelli per il suo incisivo contributo, ha preso atto dell’atteggiamento espresso dalle OO.SS., specificando che si è trattato solo di un incontro preliminare d’apertura, prodromico alla vera e propria sede tecnica, dove verrà coinvolta la D.G. competente. Ha altresì ribadito la rilevanza che l’Amministrazione intende dare al Patto per la scuola, siglato su contenuti in cui il Ministero crede fermamente e ai quali intende dar seguito. In conclusione ha delegato in diretta il Vice Capo di Gabinetto, Sabrina Capasso, a convocare senza ulteriore indugio il Tavolo della dirigenza oltre a quello del reclutamento.