Con la nota allegata DIRIGENTISCUOLA invita l’On. ministro a emanare un provvedimento di deroga al mancato rispetto dei calendari scolastici. Circostanza che mette a rischio la validità dell’anno scolastico specie se non è stato disposto il recupero dei giorni persi.

A tal fine è opportuno precisare che la previsione    dell’art. 74 del D.L.vo n. 297/94 di garantire almeno 200 giorni  di scuola, vale per le Regioni che non possono deliberare calendari con meno di 200 giorni. Le istituzioni scolastiche possono adattare il calendario alle esigenze ambientali, ma devono rispettare, anche prevedendo recuperi, i giorni previsti dal calendario regionale, che, di solito, prevede anche più di 200 giorni, pena l’invalidità dell’anno scolastico.