In data odierna l’ARAN ha trasmesso alle Confederazioni sindacali convocazione per un incontro per la sottoscrizione definitiva del CCNQ inerente la definizione dei comparti e delle aree per il periodo contrattuale 2019-2021. L’incontro si terrà martedì 3 agosto, alle ore 13:15, in modalità online.

Un appuntamento che si è fatto attendere. Ci sono voluti, infatti, ben sei mesi dalla ripresa dei negoziati, prima di addivenire alla firma definitiva di un CCNQ che riguarda, comunque, esclusivamente i comparti (a dispetto di quanto riportato nell’oggetto della convocazione…). Nella bozza concordata negli incontri che si sono susseguiti, si era, infatti, previsto che la definizione delle aree sarebbe stata rinviata ad apposita sessione negoziale da concludersi entro i successivi tre mesi. Peccato che, a parere dell’ARAN, ci sarebbe stato un “fraintendimento” sul dies a quo: 3 mesi dalla firma definitiva della bozza – come comunicatoci per le vie brevi – non dall’incontro del 15 aprile, in cui si era stabilito lo spezzettamento del CCNQ.

Il che, per dirla in parole povere, significa che quei famosi 3 mesi decorreranno da martedì 3 agosto.

Le conseguenze, ad un’attenta lettura della vicenda, sono piuttosto pesanti, perché viene di fatto rinviata la definizione delle aree al prossimo autunno, con contestuale rinvio della riapertura dei tavoli per il CCNL, se tutto va bene, alla primavera del 2022.

Dopo aver dovuto assistere all’illegittimo differimento della rilevazione della rappresentatività, ci troviamo ancora una volta di fronte a machiavelliche strategie finalizzate al rinvio della ripresa dei tavoli contrattuali. Ne prendiamo amaramente atto.

Nell’occasione comunichiamo anche il rinvio, pervenuto stamani, dell’annunciato incontro inerente il Patto per la scuola. Ripresa dei lavori e definizione delle priorità, posticipato a giorno 6 agosto p.v. alle ore 9.30 e la probabile convocazione – di cui, per ora, abbiamo ricevuto notizia solo in via informale – da parte della D.G. per il personale scolastico sulla questione del conferimento dei nuovi incarichi per un incontro che dovrebbe tenersi martedì 3 agosto p.v.