Il 7 luglio è stato siglato l’Accordo in merito al procedimento di valutazione dei dirigenti scolastici per l’a.s. 2019-2020.

Appena un mese fa, in data 5 giugno, in occasione di una videoconferenza sul tema indetta dall’Ufficio IX della DG per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, DIRIGENTISCUOLA aveva ribadito la sua ferma opposizione al reiterato intento dell’Amministrazione di mantener sganciato il procedimento di valutazione dei dirigenti scolastici dalla corresponsione della retribuzione di risultato. In quella sede, supportati da tali motivazioni, avevamo espresso l’intento di non firmare il proposto verbale di accordo, a nostro avviso umiliante per una categoria da troppo tempo chiamata a combattere in quella che è ormai una vera e propria trincea.

A fronte di tale diniego il D.G., dr.ssa Maria Assunta Palermo, ha pensato bene di semplificare le procedure, arrivando persino a stravolgere il sistema delle relazioni sindacali: DIRIGENTISCUOLA, o.s. rappresentativa dell’Area Istruzione e Ricerca, non solo non è stata convocata al successivo tavolo negoziale per la sigla dell’accordo, ma non ha neanche ricevuto comunicazioni ufficiali degli esiti di quanto definito in quella sede.

La gravità dell’accaduto ci ha indotti a chiedere le dimissioni e/o la revoca della dr.ssa Palermo, la quale è stata formalmente diffidata a ritirare la propria firma dal testo di un Accordo palesemente nullo per evidenti vizi formali.

L’accordo firmato va immediatamente revocato e annullato con contestuale riconvocazione delle OO.SS. rappresentative.